Faccette dentali in ceramica

Faccette dentali e corone in disilicato di litio

SOTTILI COME UNA LENTE A CONTATTO

Prenota la tua visita

Precisione Del Lavoro Faccette Dentali

TECNICA CONSERVATIVA

Usiamo faccette estetiche che permettono un approccio poco invasivo. Questo significa che il dente viene limato il minimo necessario. La resistenza, però, è quella del dente naturale.

Ritrovi Sorriso Faccette Dentali

RITROVI IL SORRISO

Con le faccette correggi imperfezioni estetiche, piccoli traumi, macchie e buchi tra i denti causati da parodontite. Questo con una protesi studiata su misura, disegnata per la tua bocca.

Tecnica Coservativa Faccette Dentali

PRECISIONE DEL LAVORO

Studiamo il caso, ti mostriamo il risultato e applichiamo le faccette. Le faccette sono sottili, applicate da professionisti specializzati in estetica del sorriso e materiali dentari.

Le faccette dentali vengono cementate sulla superficie esterna dei denti. Sono fondamentali per migliorare l’estetica (denti scuri, scheggiati, chiusura di spazi tra i denti). O ripristinare la funzione (denti consumati a seguito di usura, abrasione e/o erosione).

Cosa sono le faccette dentali, definizione


Le faccette dentali sono sottili lamine che vengono posizionate sulla superficie esterna dei denti e vengono usate per migliorare l’estetica. O per recuperare le funzioni masticatorie a seguito di traumi (denti fratturati, margini scheggiati) o usura dentaria.

Come ad esempio bruxismo, digrignamento, mangiare le unghie e mordere i tappi delle penne. La vita media di una faccetta estetica per i denti è di circa 8-10 anni, come per qualsiasi protesi fissa. Tuttavia, con una accurata manutenzione, la durata di una faccetta può essere di oltre 20 anni.

Nel caso subentrino problemi o, nel tempo, l’estetica del sorriso si modifichi per i fisiologici processi di invecchiamento, una faccetta dentale può essere rimossa tramite limatura (esattamente come nel caso dello smalto naturale) e sostituita con una nuova faccetta o una corona.

A cosa servono le faccette dentali

Molti pazienti che si rivolgono a un odontoiatra con finalità estetiche, sono talvolta indecisi sull’applicazione di faccette dentali o sul praticare uno sbiancamento in profondità. Nella pratica, lo sbiancamento dentale agisce sul colore ed è una pratica meno invasiva rispetto alle faccette estetiche.

Le faccette in ceramica permettono di correggere anomalie di forma e volume (chiusura di triangoli neri interdentali e diastemi, denti conoidi). Ma anche pigmentazioni e discromie come macchie da nicotina e/o caffeina, restauri in composito ingialliti, malposizioni e difetti congeniti dello smalto. Conferendo così armonia al sorriso anche con una posizione dei denti non ottimale.

Bisogna valutarne l’utilizzo durante il primo appuntamento dal dentista, e può essere utile prendere in esame soluzioni alternative come forme specifiche di sbiancamento in caso di denti macchiati in profondità. O l’utilizzo di ricostruzioni incollate al dente, il cui costo è mediamente inferiore a quello delle faccette. Queste ultime sono indicate in caso di piccole scheggiature o variazioni di forma.

faccette e corone

Come si applicano le faccette dentali

Le faccette dentali sono restauri adesivi minimamente invasivi ad alta valenza estetica. Esistono preparazioni minimali limitate allo smalto dentario o senza toccare  la superficie dei denti con restauri “addizionali” (tecnica “no-prep”). Così è possibile realizzare faccette per l’estetica dentale di spessore medio pari a 0.5 mm per ritrovare un sorriso perfetto.

La tecnica “no-prep” prevede la possibilità di applicare delle faccette ai denti senza limare in alcun modo i denti. Ma solo condizionandone le superfici con appositi adesivi. In linea con la cosiddetta “minimal intervention dentistry” (odontoiatria minimamente invasiva), tale approccio è estremamente conservativo. Infatti non interferisce in alcun modo con la struttura e la resistenza.

Per mettere le dental veneers devono sussistere le condizioni cliniche per fabbricare delle faccette senza limare i denti, quali, ad esempio, diastemi (spazi tra i denti),triangoli neri a livello gengivale (causati da parodontite), necessità di aumentare il volume e/o la lunghezza dei denti storti.

Cosa fare prima di mettere le faccette ai denti

Prima di realizzare le faccette, i pazienti vengono sottoposti ad una “prova” che si chiama mock-up. E viene effettuata senza che i denti vengano preparati o danneggiati. Dopo aver registrato delle impronte per studiare accuratamente il caso e formulare il più corretto piano di trattamento, la forma ideale dei denti viene ricostruita in cera su un modello. O al computer tramite programmi dedicati.

Questa procedura permette di ottenere delle mascherine per applicare un sottile strato di resina direttamente sui denti dei pazienti e previsualizzare il risultato finale. Come se si trattasse di lenti a contatto che permettono di verificare l’effetto estetico e di apportare eventuali modifiche al progetto protesico, cambiando la forma e la lunghezza dei denti.

La manutenzione da parte del paziente è nulla, anche perché non sono rimovibili. Bisogna solo seguire la corretta igiene orale e lavare i denti. Ma anche passare il filo interdentale come sempre.

Tecniche diverse per attaccare le faccette dentali

La tecnica no-prep si abbina spesso alla realizzazione di restauri parziali chiamati “addizionali”: qualora non sia necessario ricoprire l’intera superficie di uno o più denti, è possibile fabbricare dei piccoli frammenti di ceramica che possano essere cementati.

faccette dentali

Questo laddove necessario, per riempire uno spazio o ripristinare, ad esempio, una cuspide fratturata. Analogamente, oggi è possibile realizzare anche sottilissime corone in disilicato di litio (“full veneers”), nei casi in cui sia necessario ricoprire interamente la superficie dentaria (denti molto distrutti da carie, denti consumati per usura o abrasi da sostanze chimiche, come gli acidi alimentari, etc.).

Il ridottissimo spessore di queste corone (fino a 0.3 mm) permette di realizzare delle preparazioni minimamente invasive o di non toccare affatto con le frese i denti. Ciò permette di risparmiare quantità di smalto e dentina e di non devitalizzare i denti per le corone protesiche.

Tali restauri non interferiscono con la salute dei tessuti parodontali, dal momento che le preparazioni non raggiungono i margini gengivali, pur garantendo un ottimale mimetismo dei restauri, grazie all’impiego di materiali altamente estetici e privi di metallo.

Vuoi mettere faccette in Disilicato di Litio?

PRENOTA LA TUA VISITA

Quando mettere le faccette ai denti


Pur essendo un trattamento fortemente conservativo e molto meno aggressivo rispetto alle tradizionali corone protesiche (anche dette “capsule”), non sempre le faccette rappresentano il trattamento di prima scelta. O, comunque, possono essere l’ultimo passaggio di trattamenti interdisciplinari mirati a risparmiare la maggior quantità possibile di tessuti dentari (smalto e dentina).

Quando non è consigliabile realizzare faccette in ceramica? Non esistono controindicazioni assolute al trattamento con faccette ma in alcuni casi esistono trattamenti più conservativi che possono essere risolutivi di per sé o preparatori alla realizzazione di faccette ancora più sottili.

Le faccette possono essere applicate ad entrambe le arcate dentarie, su uno o più denti. Vengono utilizzate per il restauro dei denti anteriori (incisivi e canini). Ma in condizioni specifiche possono essere applicate anche sui premolari.

Qualora sia necessario il restauro estetico dei molari (che sono sottoposti a carichi masticatori molto elevati), è preferibile ricorrere a restauri a copertura parziale, che coprono, cioè, sia la parte esterna che la superficie masticatoria, così da garantire un migliore comportamento biomeccanico.

Denti scuri o pigmentati

A volte i denti possono diventare scuri a seguito di traumi o terapie endodontiche (devitalizzazioni). Spesso, in questi casi, si forma una sorta di ematoma (livido) all’interno dei tubuli dentinali a seguito di stravasi di sangue o di sostanze chimiche che vengono utilizzate durante le devitalizzazioni.

In queste situazioni non è sempre necessario ricorrere a delle faccette ma può essere sufficiente effettuare delle sedute di sbiancamento con sostanze che sono in grado di rimuovere i pigmenti all’interno del dente, restituendo il colore originale.

Qualora lo sbiancamento non sia sufficientemente efficace (ogni paziente risponde in maniera differente agli agenti sbiancanti) ed il colore ottenuto non sia del tutto soddisfacente, allora si potrà procedere alla realizzazione di una faccetta dentali.

È bene sottolineare, tuttavia, che lo sbiancamento di un dente scuro prima di fabbricare una faccetta è una terapia sempre consigliabile, dal momento che, più chiaro è il dente, minore sarà la quantità di smalto che dovrà essere rimossa. Infatti, quanto più è chiaro il colore base di un elemento dentario, tanto più sottile potrà essere la faccette per denti.

Denti macchiati

In altri casi, invece, i denti possono presentare un colore non uniforme o pigmentazioni di vario genere (definite “endogene” e che possono presentarsi come macchie, bande orizzontali, striature, etc.) che possono essere dovute a condizioni genetiche (amelogenesi imperfetta, fluorosi, ipo- o iper-mineralizzazione, celiachia, etc.) o all’utilizzo di antibiotici (tetracicline, anche durante la gravidanza materna, dal momento che in quel periodo dello sviluppo embrionale, i tessuti dentari possono già subire modifiche del colore).

In queste situazioni, si può ricorrere a trattamenti microabrasivi o a ricostruzioni in composito, a seconda della localizzazione e della profondità di questi difetti dello smalto. Qualora questi trattamenti non ottengano il risultato desiderato, si potrà ricorrere alle faccette dentali.

Anche abitudini alimentari (massiccio consumo di cibi e/o bevande colorate, come caffè, the, succhi di frutta, vino rosso, etc.) ed il tabagismo (fumo di sigaretta, sigaro, pipa, etc.) possono macchiare la superficie dei denti. In questo caso, tuttavia, si tratta per lo più di pigmentazioni molto superficiali (che vengono definite “esogene”) che possono essere rimosse con polveri microabrasive e paste per lucidatura.

Denti scheggiati o con piccole abrasioni

Nel caso di piccole scheggiature, localizzate per lo più sui margini dei denti anteriori, una faccetta da mettere sui denti può rappresentare un trattamento eccessivamente aggressivo. In questi casi, il primo approccio è rappresentato sempre da ricostruzioni in composito, materiali bianchi che vengono applicati mediante adesivi direttamente sulla superficie dei denti.

A differenza delle faccette che, per quanto minimale, richiedono sempre la preparazione della superficie dei denti con la conseguente asportazione di una minima quantità di smalto, i compositi vengono applicati solo in corrispondenza della zona scheggiata, così da ricostruire la sostanza dentale andata perduta. Tuttavia, rispetto alle ceramiche, i compositi sono materiali più elastici e tendono a consumarsi col tempo. Essendo materiali resinosi, i compositi tendono a diventare opachi e devono essere periodicamente rifiniti e lucidati.

Qualora una ricostruzione in composito tenda a scheggiarsi nuovamente, a seguito, ad esempio di parafunzioni come il bruxismo, o nel caso in cui sia necessario ripristinare la funzione di un elemento dentario con un materiale più resistente, il trattamento con faccette in ceramica risulta indicato e può essere effettuato anche in presenza di precedenti ricostruzioni in composito.

Denti disallineati o con ampi spazi (diastemi)

Nel caso di disallineamenti dentari o di spazi tra, i denti (detti “diastemi”), il trattamento di prima scelta è sempre l’ortodonzia, branca dell’odontoiatria che permette di spostare i denti riportandoli in una posizione ideale. Tale approccio, permette di chiudere gli spazi e di riallineare senza intaccare in alcun modo la struttura del dente e, in particolare modo, lo smalto. Va sottolineato, tuttavia, che la durata di una terapia ortodontica è senza dubbio più lunga rispetto ad un trattamento con faccette estetiche.

Talvolta, la forma dei denti è tale da non ottenere un completo riempimento degli spazi (in particolar modo dei triangoli neri interdentali) anche dopo una terapia ortodontica. In questi casi, pertanto, nell’ambito di un trattamento interdisciplinare, l’ortodonzia rappresenta una fase di preparazione per realizzare delle faccette dentali estremamente sottili, così da rimuovere la minor quantità possibile di smalto.

In presenza di denti triangolari e con spazi neri accentuati (a seguito di malattia parodontale), le faccette vengono utilizzate dopo una terapia ortodontica per ottimizzare la forma dei denti e migliorarne colore e forma, in modo da ottenere un risultato estetico ideale.

Indicazioni e controindicazioni per le faccette dentali


Il trattamento non presenta controindicazioni assolute e può essere eseguito a qualsiasi età. Nel caso di giovani pazienti che non abbiano ancora completato la crescita (circa 16 anni per le femmine e 18 per i maschi), è preferibile utilizzare faccette dentali in resina composita, materiale che può essere modificato e/o rimosso più facilmente nel corso del tempo.

Le faccette dentali in ceramica possono essere realizzate in presenza di ricostruzioni in composito (frequenti nei pazienti che abbiano scheggiato o consumato i denti). Purché il materiale da otturazione non presenti infiltrazioni (colorazione scura dei margini) o carie secondarie.

Faccette-dentali-in-ceramica
DT Vincenzo Mutone

Anche i denti devitalizzati possono essere ricoperti con questi sottilissimi manufatti. In presenza di denti fortemente discromici (denti tendenti al giallo scuro, al marrone o addirittura al nero a causa di precedenti devitalizzazioni o difetti dei tessuti dentari, come amelogenesi imperfetta, fluorosi o pigmentazioni da tetracicline), tuttavia, è preferibile effettuare prima uno sbiancamento.

Come sono fatte le faccette dentali?


Le moderne tecnologie dei materiali permettono, oggi, di impiegare vari tipi di ceramica per la realizzazione delle faccette, dalle tradizionali feldspatiche altamente traslucenti alle più recenti a base di disilicato di litio ad elevata resistenza. È evidente che per riabilitazioni effettuate con questi materiali l’utilizzo del microscopio o di sistemi ingrandenti risulta quasi indispensabile.

litio

faccette per i denti

Le ottimali proprietà meccaniche e l’elevata resistenza a frattura del disilicato consentono di realizzare faccette definitive in situazioni biomeccanicamente non ideali, come nei pazienti portatori di bite o nel caso di severa usura dei margini incisali. Un semplice sbiancamento non può ripristinare la bellezza naturale del sorriso a 20 anni, ma occorre ripristinare la forma originale, precedente al processo di usura.

Sia le ceramiche feldspatiche che il disilicato di litio, cementati mediante tecniche adesive estremamente affidabili, garantiscono una eccellente integrazione biologica, risultati estetici ottimali ed elevata biomimetica, ripristinando le caratteristiche ottiche e meccaniche del dente naturale. Il risultato sarà significativo valutando il prima e dopo.

Per circa 2 settimane, fino alla realizzazione delle faccette definitive, il paziente porterà dei restauri provvisori in resina, così da ottenere una buona guarigione dei tessuti gengivali dopo la presa dell’impronta (che potrà essere tradizionale o digitale, utilizzando degli scanner intraorali). Le faccette provvisorie sono sottili e delicate e, durante il periodo di guarigione, il paziente dovrà avere la massima cautela, evitando di strappare il cibo (onde evitare scheggiature e decementazioni dei restauri temporanei) e limitando l’assunzione di alimenti liquidi e solidi che possano far scurire la resina. È importante ricordare che le faccette provvisorie non sono come le unghie finte.

L’impronta digitale per mettere le faccette


Essendo la preparazione per faccette una tecnica non invasiva che non coinvolge lo spazio gengivale, è oggi possibile avvalersi degli scanner intraorali (Intra Oral Scanner o IOS) per rilevare una impronta digitale per faccette.

A differenze di quelle tradizionali, le impronte digitali non richiedono paste o materiali da impronta né portaimpronte che spesso risultato ingombranti e poco confortevoli per i pazienti. Gli scanner intraorali sono delle telecamere ad alta risoluzione che permettono di rilevare la forma dei denti e delle gengive nonché il colore dei tessuti, realizzando le faccette in maniera completamente digitale. Tale tecnica risulta molto confortevole e rapida e permette di verificare in tempo reale la precisione delle preparazioni.

impronta dentiSenza mock-up

Spesso questo approccio non richiede la somministrazione di anestesia locale. Successivamente, il file ottenuto dall’impronta viene inviato al laboratorio odontotecnico che produrrà i manufatti con un flusso di lavoro interamente digitale, riducendo i tempi di lavorazione ed ottenendo risultati altamente precisi e predicibili grazie alla lavorazione computerizzata CAD-CAM (Computer Aided Design-Computer Aided Manufacturing).

Diagnosi Estetica prima e dopo le faccette

La diagnosi estetica è mirata a valutare tutti fattori che permettono di integrare in modo armonico il sorriso nel contesto del viso. Si basa, pertanto, su una analisi facciale, che permette di analizzare simmetria e proporzioni del volto, e su una analisi dentaria, che consente di valutare i rapporti tra i denti ed i tessuti molli periorali.

L’importanza dell’analisi facciale

L’analisi facciale prende in considerazione la linea mediana del viso (fronte-naso-mento), la linea bipupillare (che passa per le pupille oculari) ed il piano occlusale (che tocca i margini dentari) (Fig. 1). Tali piani di riferimento permettono di identificare eventuali asimmetrie che devono essere compensate nella fase di cura odontoiatrica (linea del sorriso “pendente”, deviazioni delle linee mediane, etc).

feccette denti

L’analisi dentaria va a valutare una serie di parametri che riguardano sia i denti che le gengive:

  • linea mediana superiore ed inferiore;
  • assi di inclinazione dentaria;
  • proporzioni intra- ed inter-dentali;
  • curvatura e margini incisali;
  • parabole gengivali;
  • papille interdentali;
  •  embrasures interdentali;
  • colore e tessitura di superficie (sia dei denti che delle gengive).

In un sorriso ideale, le linee mediane superiore (Fig. 2, linea gialla tratteggiata) ed inferiore dovrebbero coincidere e gli assi longitudinali dei denti (Fig. 2, linee nere) dovrebbero convergere verso la linea mediana con una inclinazione progressivamente crescente passando dai settori anteriori a quelli posteriori. Questo conferisce pienezza e luminosità al sorriso.

corone

Le proporzioni intra-dentarie (rapporto tra altezza e larghezza di ciascun dente) ed inter-dentarie (rapporto tra le dimensioni dei vari denti) dovrebbero rispettare rapporti armonici che si rifanno al concetto della proporzione aurea (Fig. 3).

Lo studio del sorriso per mettere le faccette

In particolare, in un sorriso giovane ed in particolare nel sesso femminile, si parla di “dominanza degli incisivi centrali” che dovrebbero essere leggermente più grandi e più lunghi degli incisivi laterali per conferire luminosità al sorriso.

incisivi

I margini incisali dei denti superiori dovrebbero seguire l’andamento del labbro inferiore durante il sorriso. Procedendo dai settori frontali a quelli posteriori, la curvatura costituita dall’insieme dei margini incisali dovrebbe progressivamente spostarsi verso l’alto (Fig. 4, linea gialla).

Le parabole gengivali dovrebbero essere tondeggianti ed armoniche, seguendo il profilo dei colletti dentari. I margini gengivali degli incisivi laterali superiori dovrebbero trovarsi in una posizione circa 1 mm più coronale (più in basso – Fig. 4, frecce blu) rispetto ai margini degli incisivi centrali e dei canini (Fig. 4, linea nera).

gengive

Le papille interdentali non dovrebbero mai presentare triangoli neri tra i denti (indice di perdita di tessuti parodontali) ma dovrebbero riempire del tutto lo spazio tra le superfici interdentali dei vari denti, spostandosi progressivamente in posizione più apicale (verso l’alto) procedendo dai settori anteriori a quelli posteriori (Fig. 5, triangoli rossi).

Le embrasures interdentali, definizione

Sono gli spazi tra i margini incisali dei denti. Tali spazi dovrebbero essere minimi tra gli incisivi centrali superiori ed aprirsi progressivamente man mano che ci si sposta verso i settori posteriori (Fig. 5, linee gialle tratteggiate). Una scorretta gestione di questi spazi può dare l’impressione che i denti siano tutti uniti (come nel caso di ponti poco naturali ed antiestetici).

embrasures

Colore e tessitura di superficie (l’insieme delle caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle superfici di denti e gengive) devono integrarsi correttamente nel viso di ciascun paziente. I denti tendono a diventare progressivamente più gialli o più grigi (trasparenti) con l’età, a causa dei fenomeni di invecchiamento e di usura.

Il colore può essere corretto mediante sbancamento dentale o con ricostruzione protesiche (faccette e corone). Le gengive dovrebbero avere un colore rosa corallo. Alterazioni del colore, in particolare verso il rosso accesso o il viola, sono indice di sofferenza parodontale, come gengivite e parodontite nel caso dei denti naturali e mucosità e priimplantite nel caso di impianti dentali.

Come si procede per la diagnosi estetica

Tutti questi parametri devono essere attentamente analizzati prima di qualsiasi trattamento odontoiatrico mirato a ripristinare l’armonia del sorriso. La diagnosi estetica viene effettuata mediante l’esame clinico ed il rilevamento di fotografie e filmati. Successivamente, i modelli di studio vengono analizzati in articolatole e con l’ausilio di software che permettono di simulare anche visivamente il trattamento al computer ancor prima di intervenire in qualsiasi modo sul paziente.

A riposo, un sorriso giovanile ed armonico dovrebbe lasciar intravedere 1-2 mm degli incisivi centrali superiori (Figg. 6-7-8). Qualora i denti a riposo non si intravedano, il sorriso assume un aspetto “vecchieggiante” ed antiestetico, come avviene con il passare degli anni quando la perdita di elasticità dei tessuti periorali ed il riassorbimento delle ossa mascellari determina una introflessione (una sorta di caduta verso l’interno) del labbro superiore. Tale difetto può essere corretto protesicamente (con faccette o corone) o mediante ortodonzia.

sorriso

I denti posteriori ed in particolare i premolari superiori possono essere inclinati leggermente verso l’esterno, in modo da riempire gli spazi neri che a volte si vedono nei settori laterali del sorriso (definiti “corridoi buccali”), conferendo pienezza e luminosità al sorriso.

Mock-up e faccette dentali, cosa succede?


È possibile pre-visualizzare tridimensionalmente il risultato finale di un trattamento estetico mediante una tecnica non invasiva definita “mock-up”. In sintesi, questa tecnica permette di provare il lavoro protesico finale direttamente in bocca ancora prima di iniziare le terapie.

Il mock-up consiste nel ricreare al computer o su modello la forma ideale dei denti da trattare e di creare una mascherina di trasferimento (anche mediante stampanti 3D). Questo permette di applicare dei materiali compositi direttamente in bocca, sui denti non ancora preparati, come delle sottili lenti a contatto.

mock up

Ciò permette al paziente di valutare il risultato estetico ed al dentista di controllare le funzioni occlusali (masticazione, fonazione, etc.).
La tecnica del mock-up non è invasiva (non prevede la preparazione dello smalto) ed è completamente reversibile: qualora il paziente non sia soddisfatto del risultato, il mock-up viene facilmente rimosso senza alterare in nessun modo la forma originaria dei denti e senza danneggiare lo smalto.

Inoltre, il mock-up può essere facilmente modificato intraoralmente, aggiungendo o rimuovendo resina o modificando forma e volume dei denti.

dentiSenza mock-up
prima e dopoDopo il mock-up
mock upMockup a riposo

Il mock-up può simulare anche interventi di gengivectomia, ossia l’armonizzazione delle parabole gengivali in presenza di asimmetrie e/o dislivelli: in tal caso, la resina viene stampata a coprire i margini gengivali, così da simulare il risultato finale.

Qualora il risultato sia soddisfacente, il mockup viene utilizzato anche per guidare il chirurgo durante l’intervento di gengivectomia, effettuando delle incisioni minime e calibrate esattamente sulla forma finale desiderata.

Anche la comunicazione con il paziente viene positivamente influenzata da tale tecnica: infatti, il mock-up può essere fotografato e possono essere girati dei brevi video che mostrino al paziente in tempo reale le differenze tra la situazione iniziale e le modifiche determinate dallo stampo di previsualizzazione.

Manutenzione delle faccette dentali


Le faccette servono non solo a migliorare l’estetica dei denti ma anche a ripristinare le corrette funzioni masticatorie. Pertanto, pur prestando attenzione nel tempo evitando di incidere e strappare cibi troppo duri, i pazienti possono recuperare completamente le normali funzioni dentarie a seguito del restauro.

Il colore rimane invariato nel corso degli anni mentre i margini cervicali (le aree di passaggio tra restauro e radice dentaria) possono subire un normale processo di pigmentazione legato all’invecchiamento fisiologico con conseguente colorazione tendente al giallo, esattamente come avviene per le radici dentarie naturali. Per evitare inestetismi indesiderati, è fondamentale che i pazienti mantengano una corretta igiene orale, utilizzando 3 volte al giorno spazzolino, filo interdentale e, in alcuni casi, l’idropulsore (o doccetta orale). Inoltre, sono fondamentali i controlli e le pulizie dei denti ogni 6 mesi, così da mantenere una corretta salute delle gengive ed intercettare ogni eventuale problema.

Periodicamente, può essere opportuno sigillare i margini di cementazione, così da eliminare possibili gradini causati dall’usura dentaria o dall’alterazione dello strato di cemento sulle superfici interne e non visibili.

Il restauro di un dente con una faccetta singola non interferisce in alcun modo con la fisiologica mobilità degli elementi dentari che, pertanto, possono andare incontro a micromovimenti, esattamente come accadrebbe anche in assenza delle faccette. Al fine di limitare questi spostamenti e di proteggere le faccette da stress indesiderati che intervengono per lo più durante la notte, è consigliabile utilizzare delle mascherine di protezione, così da prevenire lo sfregamento tra i margini in ceramica ed i denti dell’arcata antagonista ed evitare indesiderati fenomeni di spostamento e migrazione. Queste accortezze consentono una buona tenuta delle faccette dentali e le rendono preferibili all’incapsulare i denti.

Costo delle faccette dentali


Sul costo delle faccette dentali incidono diversi fattori.
La qualità del materiale utilizzato, la quantità dei denti da trattare, la posizione geografica dello studio, l’odontotecnico a cui si farà riferimento per realizzarle, infine ma non ultimo la preparazione e la competenza del protesista che segue l’intero lavoro. Il prezzo medio di una faccetta dentale varia dai 600 ai 1000 euro. In alcune città come Milano e Roma può raggiungere anche 1500 euro. Per approfondire: quanto costano le faccette dentali?

Domande Frequenti


Il vantaggio principale è senza dubbio la minima invasività rispetto a restauri tradizionali come le corone (capsule) che prevedono la limatura di tutto il dente, mentre la preparazione per faccette interessa solo la parte esterna e per pochi decimi di millimetro. Certamente, le faccette sono più invasive dello sbiancamento, ma quest’ultimo non agisce sui difetti di forma. Svantaggi veri e propri non esistono, se non controindicazioni “relative”, vale a dire condizioni che possono ridurre o eliminare del tutto la possibilità di realizzare le faccette, come nel caso di denti troppo distrutti, spazi troppo ampi, mancanza di denti intermedi, etc. Ovviamente, ogni caso va valutato individualmente e con un approccio multidisciplinare.

Casi Clinici


Qui di seguito una carrellata di anteprime riguardanti casi clinici di pazienti dello Studio Dentistico Cozzolino. Tutti i casi sono relativi a restauri in faccette in zona estetica. È possibile visionare le foto dei prima-dopo posizionate in verticale una sopra l’altra, divise per singoli casi.
Più giù, sempre in questa pagina, sono riportati per intero e in maniera meglio documentata gli stessi casi clinici. Per poter approfondire in maniera più dettagliata i singoli restauri portati a termine.

Caso 1: Trattamento minimamente invasivo di diastemi ed ipoplasia dello smalto con faccette in feldspatica


Paziente di sesso maschile di 22 anni con diastemi (spazi tra i denti), amelogenesi imperfetta ed ipoplasi dello smalto (difetti ed imperfezioni nella mineralizzazione dello smalto).

Il paziente è stato trattato con 4 faccette in feldspatica (incisivi centrali e laterali) e preparazioni minimali per conservare la maggior quantità possibile di tessuti dentari.

faccette in ceramicaVisione preoperatoria extraorale a riposo (sinistra) e del sorriso (destra).
faccette per i denti
faccette dentali immaginiPreoperatoria intraorale: si notino i diastemi (spazi tra i denti) ed i difetti di mineralizzazione dello smalto.
faccette dentali immaginiVisione postoperatoria intraorale (4 faccette in ceramica feldspatica sugli incisivi centrali e laterali; Odt. Vincenzo Mutone).
foto faccette ai dentiPostoperatoria extraorale a riposo (sinistra) e del sorriso (destra).
faccette in ceramica

Caso 2: Risoluzione di usura dentaria e morso coperto con faccette in disilicato di litio


Paziente di sesso maschile di 28 anni con usura severa dei denti anteriori. Avendo consumato lo smalto dentario a causa di un morso profondo e di parafunzioni occlusali (bruxismo, digrignamento, serramento), il paziente aveva assunto un aspetto “vecchieggiante” dovuto alla mancata esposizione dei margini degli incisivi superiori.

Il paziente è stato trattato con 6 faccette in disilicato di litio (incisivi centrali, incisivi laterali e canini) ad elevata resistenza, mediante preparazioni minimali che hanno permesso di allungare i margini incisali, recuperare le corrette funzioni occlusali (scivolamento in protrusiva e lateralità) e restituire al paziente un’estetica ottimale grazie al posizionamento delle faccette.

disilicato di litio

faccette foto

Preoperatoria extraorale a riposo (sinistra) e del sorriso (destra). Si noti come i margini incisali non siano visibili a riposo, conferendo un aspetto “vecchieggiante” al paziente, e come appaiano irregolari e frastagliati sorridendo.

faccette dentali immaginiVisione preoperatoria intraorale: si notino la carie cervicale sul canino destro e l’accorciamento dovuto ad usura dei margini incisali degli incisivi centrali e laterali che rendono i denti tozzi, mal proporzionati ed esteticamente poco gradevoli.
faccette dentali immaginiPreparazione mini-invasiva. Visione finale delle preparazioni minimali mantenute interamente nello smalto dentario (evitando fenomeni di sensibilità dentinale ed ottimizzando l’adesione delle faccette).
disilicato di litioPostoperatoria intraorale (6 faccette in disilicato di litio sugli incisivi centrali, sugli incisivi laterali e sui canini; Odt. Vincenzo Mutone).
denti con faccettePostoperatoria extraorale a riposo (sinistra) e del sorriso (destra).
sorriso

Caso 3: Faccette in feldspatica su denti anteriori


Caso di una paziente di 26 anni, che presentava la frattura dei margini incisali dei due incisivi centrali superiori.
La paziente riferiva di aver già provveduto alla ricostruzione di tali elementi dentari in due occasioni e che in entrambe le circostanze i restauri dei denti coinvolti erano andati in contro a frattura. Inoltre, la paziente lamentava un risultato estetico non soddisfacente. Si è proceduti alla realizzazione di due faccette in ceramica.

Tale tipologia di restauro adesivo permette di ripristinare estetica e funzione con un approccio conservativo e preparazioni minimamente invasive, pari ad uno spessore di circa 0.6 mm. L’utilizzo di questi materiali garantisce un risultato predicibile e duraturo, ed un’alta resa estetica, non andando incontro a discromie nel tempo, a differenza dei restauri in composito. Vai all’articolo completo.

ceramica per faccettePrima del trattamento
discromie
veenersDopo del trattamento
colore faccette

sorriso faccette

Caso 4: Riabilitazione estetica minimamente invasiva mediante faccette


Una paziente di sesso femminile di 33 anni di età richiedeva un miglioramento estetico e funzionale del gruppo anteriore mascellare precedentemente restaurato con faccette in composito.

All’esame obiettivo si rilevavano una marcata opacizzazione dei restauri ed una evidente usura generalizzata dei margini incisali del gruppo anteriore sia mascellare che mandibolare. Si optava per la realizzazione di 6 faccette in ceramica feldspatica, da canino a canino, con allungamento dei margini incisali, al fine di migliorare l’estetica e di ripristinare una corretta funzione. Vai all’articolo completo.

sorriso

faccette estetiche

faccetta denti

faccetta per denti

Caso 5: Faccette in Disilicato di Litio su denti anteriori


Caso di una paziente di 26 anni, che presentava la frattura dei margini incisali dei due incisivi centrali superiori.
Paziente donna di 25 anni con evidente asimmetria della linea del sorriso e morso parzialmente aperto, a causa di agenesia degli incisivi laterali superiori con trasposizione e coronoplastica dei canini. Si evidenziano palesi discromie dentarie.

Caso trattato con 6 faccette in disilicato di litio ad alta valenza estetica e resistenza meccanica all’arcata superiore, con riempimento ed armonizzazione della linea del sorriso e ripristino delle corrette funzioni di guida occlusale.

denti e faccettePrima del trattamento ortodontico – morso aperto (con canini al posto dei laterali e premolari al posto dei canini).
faccetta per i denti

faccette

faccette per denti

Caso 6: Faccette dentali estetiche su denti anteriori


faccette prima e dopo

faccette estetiche

faccette denti estetiche

denti anteriori

prima e dopo faccetteImmagine prima del trattamento (sinistra) – Immagine dopo il trattamento (destra). odt sig. Luigi De Stefano
prima e dopo faccette

Caso 7: Faccette in disilicato di litio in presenza di diastemi ed alterate proporzioni dentarie (rapporto altezza-larghezza) dopo gengivectomia


disilicato litioDiastema interincisivo, margini incisali più corti dei denti 11 e 12, parabola gengivale più bassa del dente 11.
faccette in disilicatoVisione laterale preoperatoria (lato destro paziente) – Diastema tra incisivo laterale e canino.
come mettere le faccetteDiastema interincisivo, margini incisali più corti dei denti 11 e 12, parabola gengivale più bassa del dente 11.
disilicato 4 faccette in disilicato di litio sugli incisivi centrali e laterali.
Faccette in disilicato di litio sugli incisivi centrali e laterali.

Caso 8: Faccette in disilicato di litio con mock-up gengivale


Paziente di sesso femminile con “gummy smile” (sorriso gengivale dovuto ad una eccessiva esposizione delle gengive). La paziente desiderava un miglioramento estetico, aumentando lunghezza volume dei denti ma senza ricorrere a trattamenti ortodontici o ad interventi chirurgici invasivi.

Pertanto, il caso è stato finalizzato con faccette e corone in disilicato di litio a seguito di gengivectomia (lieve incisione delle gengive per renderle simmetriche in base al progetto protesico stampato prima della preparazione dentaria mediante mock-up).

Visione preoperatoria
Pre-op
Overlapped mock-up

Mock-up gengivale: visione senza (sinistra) e con mock-up (destra) stampato sui denti prima della preparazione (quindi senza aver toccato lo smalto) per verificare il risultato funzionale ed estetico.

La freccia rossa mostra come non sia stata alterata la dimensione del canino superiore di sinistra mentre le linee tratteggiate gialle mostrano come il mock-up abbia permesso di allungare i denti sia a livello dei margini incisali che a livello delle gengive.

Frontale. odt sig. Luigi De Stefano
Visione postoperatoria laterale destra
Laterale sinistra

Bibliografia

Fabbri G, Sorrentino R, Cannistraro G, Mintrone F, Bacherini L, Turrini R, Bombardelli T, Nieri M, Fradeani M. Increasing the Vertical Dimension of Occlusion: A Multicenter Retrospective Clinical Comparative Study on 100 Patients with Fixed Tooth-Supported, Mixed, and Implant-Supported Full-Arch Rehabilitations. Int J Periodontics Restorative Dent. 2018 May/Jun;38(3):323-335.

Camposilvan E, Leone R, Gremillard L, Sorrentino R, Zarone F, Ferrari M, Chevalier J. Aging resistance, mechanical properties and translucency of different yttria-stabilized zirconia ceramics for monolithic dental crown applications. Dent Mater. 2018 Jun;34(6):879-890.

Zarone F, Ferrari M, Mangano FG, Leone R, Sorrentino R. “Digitally Oriented Materials”: Focus on Lithium Disilicate Ceramics. Int J Dent. 2016;2016:9840594. doi: 10.1155/2016/9840594. Epub 2016 Aug 18.

Autore Roberto Sorrentino


roberto sorrentino

Odontoiatra protesista perfezionato in estetica del sorriso, iscritto all’ordine il 17/02/2003, con N° TO 2314. Past-President del “Membership & Recruitment Committeee” dell’International Association for Dental Research (IADR). Socio ordinario dell’Academy of Dental Materials (ADM) e della Società Italiana di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo Facciale (SIOCMF). È stato Segretario nazionale della Società Italiana di Odontostomatologia Protesica ed Implantoprotesi (SIOPI). Ricercatore RTD-B in Protesi ed Odontoiatria Digitale presso l’Università Federico II di Napoli. Abilitazione a Professore Ordinario ed Associato nel 2017. Professore a contratto di “Protesi e Riabilitazione” presso le Università Federico II di Napoli e di Siena.


Contattaci per qualsiasi dubbio

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Provincia di provenienza

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    [getparam utm_source]
    [getparam utm_medium]

    Torna su

    Approfondimenti:


    Filler per le labbra: tutto quello che devi sapere per un approccio sicuro all’estetica della bocca

    Il filler alle labbra è un procedimento di medicina estetica che permette al paziente di recuperare l’estetica del sorriso. Spesso questo trattamento viene gestito insieme alle faccette dentali per avere uno risultato armonico sotto tutti i punti di vista.

    Denti piccoli o corti, come fare?

    I denti piccoli o troppo corti possono incidere fortemente sull’estetica del sorriso. Chi ha questo problema infatti si rivolge al proprio dentista sperando di poter migliorare l’aspetto dei propri denti e di conseguenza avere effetti positivi anche sulla propria autostima. I denti possono apparire piccoli per diverse motivazioni, ad esempio le dimensioni degli elementi dentali …