Perché questa ricerca?

Fabio Cozzolino«Questo lavoro nasce da una mia personale esigenza. Quella di mettere in luce due realtà diverse: cosa cercano i pazienti in riferimento a problemi odontoiatrici rispetto a cosa si dovrebbe cercare, mettendo in luce la mancanza di comunicazione tra odontoiatra e paziente.

I pazienti cercano di farsi un’idea su una determinata patologia non avendo alcuna conoscenza medica. Questo porta a farsi delle idee errate su un determinato argomento. E gli odontoiatri non comunicano nello stesso linguaggio del pubblico, aumentando il divario medico-paziente.

Oggi le società scientifiche, anche se purtroppo non sono ancora molto presenti sul web, cercano di guidare i pazienti in questa ricerca fornendo le risposte a un determinato argomento. Le società scientifiche sono composte da team di esperti di una determinata branca dell’odontoiatria e definiscono – in qualche modo riassumono nei loro testi – il risultato di quella che è la ricerca scientifica internazionale. 

Pertanto ogni utente che esegue una ricerca dovrebbe chiedersi: «Ma cosa ne pensa la società scientifica di questo tema?». Niente di più semplice. Basta digitare nel motore di ricerca il nome della società e l’argomento in questione. Se volessimo informazioni sull’efficacia del laser in parodontologia basterebbe cercare su Google ‘Laser SIDP’ o ‘Laser società italiana di parodontologia’ per avere una posizione ufficiale della ricerca. Alcune delle società più rappresentative in Italia oggi sono: 

  • SIdP: Società Italiana di Parodontologia
  • AIOP: Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica
  • SIDO: Società Italiana di Ortodonzia
  • AIC: Accademia Italiana di Conservativa
  • SIDOC: Società Italiana di Odontoiatria Conservatrice
  • SIO: Società Italiana di Implantologia Osteointegrata
  • SIOI: Società Italiana di Odontoiatria Infantile
  • SICOI: Società Italiana di Chirurgia Orale e Implantologia
  • SIE: Società Italiana di Endodonzia
  • AIE: Accademia Italiana Endodonzia

La raccolta dei dati per questo lavoro è durata diversi mesi e ha visto impegnati i membri del Team Zerodonto. Hanno contribuito alla realizzazione: Ciro Bocchetti (social media strategist), Riccardo Esposito (content specialist),Dario D’Acierno (infografica) e Francesco Margherita (SEO expert).

Dott. Fabio Cozzolino

Introduzione

Oggi il web è una delle principali fonti di ricerca per il paziente di un dentista. Le persone cercano contenuti online e hanno bisogno di riferimenti per prendere decisioni. Questo processo riguarda tutti gli ambiti, dal tempo libero alla salute. Ecco perché abbiamo deciso di affrontare questo tema e di declinarlo nell’ambito odontoiatrico: gli utenti cercano una gran quantità di informazioni sul web per prendersi cura dei propri denti.

Cercano soluzioni alle patologie, indicazioni per scegliere il miglior dentista in zona, informazioni che riguardano cure già note. Ma come lo fanno? Quali canali usano per informarsi e per dare risposta alle proprie domande? La risposta è chiara: sfruttano i motori di ricerca, in particolar modo Google. Nel 2015 nel mondo si contavano più di 100 miliardi di ricerche al mese, e 2,3 milioni al secondo (fonte dati). Questo porta Mountain View a essere il principale motore di ricerca del web.

dentista online

Google, il motore di ricerca più usato del web – Fonte immagine

Tutto questo vale anche per le ricerche legate alla salute. Secondo questa ricerca pubblicata da pewinternet.org, il 72% degli utenti americani usa la rete per cercare informazioni sulla salute. La percentuale scende al 52% per quanto riguarda l’uso degli smartphone. Questo significa che c’è sempre una maggior attenzione alle ricerche online. Le persone cercano informazioni, e lo fanno per due motivi:

  • Informarsi su cause ed effetti di una patologia.
  • Bisogno di soluzioni più o meno ortodosse per il problema.

L’informazione resta un nodo cruciale nel settore medico. Attraverso internet è possibile avere una sintesi della conoscenza, si possono riassumere tante nozioni. Ma al tempo stesso si può portare l’utente verso definizioni errate e idee sbagliate. In qualche caso si parla di WIMS, stress indotto da continue ricerche eseguite su internet senza una guida. Ecco un video che descrive con un pizzico di ironia questa condizione.

Il lavoro che abbiamo prodotto ha uno scopo: indagare sulle ricerche effettuate dalla popolazione italiana nell’ultimo anno e puntare su due aspetti decisivi. In primo luogo l’uso delle parole da parte del pubblico: le persone cercano le informazioni giuste? Come le cercano? Stanno cercando qualcosa che può aiutare a risolvere il problema o a indirizzare le azioni verso un’attività utile?

D’altro canto questi dati possono essere utili al dentista che vuole farsi trovare online e sfruttare le ricerche delle persone. Come abbiamo già sottolineato nella guida web per dentisti, è fondamentale creare dei contenuti capaci di intercettare le ricerche degli utenti. In modo da creare contenuti utili, informativi, in grado di fare chiarezza e portare benefici in termini di nuovi clienti acquisiti. L’idea base è questa: è possibile fare promozione e informare allo stesso tempo. Basta saper ascoltare le ricerche delle persone.

Strumenti utilizzati

Per ottenere i dati abbiamo utilizzato strumenti gratuiti e a pagamento. In particolar modo abbiamo sfruttato SeozoomSemrush (entrambi a pagamento) per definire quante volte una parola è stata cercata sul web, e per individuare le rispettive correlate. Ovvero le ricerche collegate alla parola presa in esame. Poi abbiamo confrontato questi dati con Keyword Planner di Google e Ubersuggest. Google Trend è stato il principale supporto per le tendenze temporali, definendo come zona di ricerca l’Italia e settore di riferimento Salute. Gli ultimi strumenti citati sono gratuiti. Per le mappe mentali abbiamo utilizzato Coggle e per i grafici Canva.

suggest

Abbiamo utilizzato diverse schermate che riprendono il completamento automatico (Google Suggest). Come funziona? Rispondiamo con le parole di Mountain View: “Se selezioni una previsione di ricerca, la ricerca viene eseguita utilizzando la previsione come termine di ricerca”. Per approfondire abbiamo lasciato la schermata in alto, in ogni caso puoi dare uno sguardo alla pagine ufficiale. Per generare la ruota delle domande abbiamo utilizzato answerthepublic.com.

Breve legenda dei termini

In questo contenuto troverai diversi termini legati al mondo del web marketing, e in particolar modo al settore legato ai motori di ricerca. Google è un immenso archivio dati e noi abbiamo utilizzato le sue risorse per ottenere informazioni. Quindi crediamo che sia giusto darti una serie di definizioni per leggere con disinvoltura questo testo:

  • Query – Ricerca fatta su Google, un’interrogazione del database per estrarre i dati.
  • Serp – Search Engine Results Page, la pagina dei risultati del motore di ricerca.
  • Correlate – Query con stretta correlazione semantica con la ricerca.

Non è necessario avere una competenza specifica nel mondo dei motori di ricerca, ma è giusto dare delle indicazioni di massima per spiegare questo lavoro.


Cosa cercano le persone

Questa è una delle domande più interessanti: cosa cercano le persone online? Come usano gli strumenti messi a disposizione da internet per ottenere risposte? Come ben sappiamo, le persone utilizzano i motori di ricerca per ottenere informazioni e per risolvere problemi. Questo è vero anche nell’ambito medico e nel settore odontoiatrico.

dentisti online

Non sempre, però, le ricerche vengono effettuate nel modo giusto, sia da un punto ortografico sia per quanto riguarda l’argomento della ricerca. Possiamo dimostrare questo aspetto con una semplice definizione dei volumi di ricerca relativi a patologie comuni. Vediamo, ad esempio, le query che hanno un maggior attenzione da parte del pubblico.

Principali ricerche

Nell’infografica in alto (clicca per il documento in alta definizione) abbiamo riassunto le principali ricerche in Italia, ovvero cosa cercano le persone attraverso i motori di ricerca per quanto riguarda l’odontoiatria. Nei passaggi successivi cerchiamo di estrapolare dalle singole voci le varie declinazioni. Obiettivo? Non solo enumerare i valori delle singole ricerche, ma capire cosa cercano le persone intorno a un argomento.

Parodontite

Il termine “Parodontite” su Google colleziona 12.100 ricerche mensili in termini medi. Qui emerge la difficoltà degli utenti nello scrivere il termine. Spesso, infatti, le persone utilizzano dei vocaboli simili ma errati da un punto di vista ortografico come paradondite o paradontite che arriva a 2.400 ricerche mensili. Google riconosce l’errore e suggerisce il termine adatto, anche se si contano circa 14.000 risultati che rimandano alla parola “paradontite”. Questo significa che ci sono molti siti web che utilizzano un’ortografia errata.

parodontite - dentisti online

Chi ignora il termine ufficiale di questa patologia utilizza la parola “piorrea” che descrive la parodontite in gergo popolare. In questo caso, quindi, superiamo il problema relativo all’ortografia per affrontare un tema diverso: come le persone conoscono questa malattia dei denti. Perché tutto questo è importante? La comunicazione online di uno studio dentistico deve tener presente queste sfumature per intercettare le esigenze e le ricerche dei potenziali clienti.

Passiamo ora alle ricerche che affrontano temi incerti. Interessante la ricerca delle terapie che fanno uso del laser per risolvere problemi parodontali, sebbene sia stato dichiarato che il laser non crea alcun valore aggiunto rispetto alle terapie classiche.

Segnaliamo che alcuni utenti cercano terapie farmacologiche per risolvere o tenere sotto controllo il problema, ignorando che non esistono farmaci in grado di fermare una recessione gengivale. Senza dimenticare che tra le ricerche suggerite da Google rispetto a parodontite c’è l’ipotesi del contagio: qualcuno ha cercato “parodontite si mischia” sul motore di ricerca. Ricordiamo che questi suggerimenti nascono dalle ricerche effettuate dalle persone, quindi da esigenze concrete.

parodontite

Quali sono le intenzioni di ricerca delle persone per quanto concerne la parodontite? Abbiamo osservato tre grandi aspetti che riguardano questa patologia e li possiamo riassumere in questa mappa mentale che si divide in due grandi rami: informazioni e cure. Detto in altre parole, ci sono persone che cercano informazioni generali e notizie su come curare la parodontite, creando delle sfumature per quanto concerne l’aspetto del laser e della piorrea.

Un punto importante: l’ipotesi di cura. Ci sono diverse persone che chiedono a Google come curare la parodontite/piorrea, ma ce ne sono altre che rivolgono un’altra domanda: si può curare? La comunicazione dovrebbe partire da un punto diverso dall’attività per risolvere il problema, dovrebbe rispondere alla questione: esiste una soluzione?

parodontite

Nel grafico in alto abbiamo sintetizzato attraverso una mappa mentale le ricerche delle persone legate all’argomento parodontite. C’è un settore dedicato al tema dell’informazione, diviso i tre rami differenti. Poi si passa all’argomento legato alla cura. Qui le persone cercano informazioni dedicate al come risolvere il problema: nei vari rami ci sono le diverse evoluzioni della ricerca.

Parodontite - Dentista online

Le ricerche medie mensili legate alla parodontite.

Abbiamo anche la sintesi grafica delle ricerche effettuate dagli utenti in Italia sul tema parodontite. Il principale termine raggiunge la media mensile di 12.100 ricerche, mentre la versione errata della parola si assesta a 2.400. Subito dopo abbiamo definizioni più specifiche di persone che cercano cure e sintomi perché, ipotizziamo, interessate all’argomento e a una possibile soluzione. Infine troviamo la piorrea, prima apparizione di questo termine insieme all’esigenza di una cura.

Con lo strumento correlate di Seozoom abbiamo cercato di approfondire le parole chiave che vengono attribuite alle ricerche “parodontite” e il risultato è molto interessante. C’è un gran volume di query che hanno al proprio interno la congiunzione “e” perché parodontite viene cercata insieme ad altre parole. Ad esempio “parodontite e piorrea”.

parodontite

Altre osservazioni? C’è molto interesse del pubblico intorno all’argomento laser, ma anche al tema delle cure e delle varie manifestazioni, come la parodontite cronica o lieve. Per scaricare la mappa delle ricerche sull’argomento parodontite possiamo chiedere aiuto a un altro strumento che ci permette di indagare su un aspetto decisivo per la comunicazione online: answerthepublic.com. Questo tool, infatti, permette di capire come le persone usano le parole di una ricerca, ordinando i risultati da un punto di vista sintattico.

Nello slideshow abbiamo sintetizzato le ricerche dedicate a due termini limitrofi: piorrea e parodontite. Come dimostra la ricerca, i termini hanno un buon volume di traffico e permettono di mostrare le varie diramazioni degli interessi.

Periodontitis (parodontite in inglese)

Cosa cercano le persone in lingua inglese quando si interessano alla parodontite? Sempre conanswerthepublic.com abbiamo creato una ruota di domande: inserendo il termine “periodontitis” abbiamo ricavato le principali domande che le persone (stiamo parlando di UK) fanno al motore di ricerca. Ecco i risultati.

parodontite

Come puoi ben vedere i rami si dirigono verso sei soluzioni fondamentali: quando, cosa, chi, perché, quali, come. Le domande più affollate sono quelle relative al come (come può essere curata la parodontite) e cosa (cosa è la parodontite cronica). Questi risultati rappresentano un buon indice per i dentisti italiani.

Carie

Affrontiamo le ricerche legate alla carie, una delle principali patologie dei denti. Il termine ha un volume di 8.100 ricerche mensili (in media) e le analisi riscontrano un problema: la “E” finale viene vista da molti utenti come la declinazione plurale di un termine che al singolare deve essere “caria”.

Così come per parodontite, il primo dato da osservare riguarda l’ortografia della keyword (parola chiave) digitata nel motore di ricerca. Ed ecco come nascono le ricerche sulla caria al dente”, che riguardano problemi a un dente solo, altrimenti si può parlare di “carie”.

carie

Altro problema nelle ricerche web sulla carie: la grossa quantità di persone in cerca di metodi fai da te per curarle. La riprova di questo dato è sotto i nostri occhi: basta fare una ricerca su Google con le parole “carie cura” per avere dei suggerimenti che portano in questa direzione. Se si considera che queste auto-compilazioni del motore di ricerca prendono dati dalle ricerche più comuni il risultato è chiaro: ci sono molte persone interessate all’argomento.

Probabilmente non esiste la consapevolezza dell’impossibilità di curare una carie da soli, e le ricerche di Google ci mostrano questo dato. Ci sono persone che pretendono informazioni sul web per curare la carie in casa. Magari con soluzioni “casalinghe”. Una buona comunicazione del dentista, in questi casi, dovrebbe puntare sulla giusta informazione. La mappa delle ricerche mostra l’evoluzione delle ricerche dedicate all’argomento carie.

carie

La mappa ci aiuta a schematizzare l’orientamento della ricerca. Ci sono molte persone che cercano termini legate alla cura delle carie, altre che vogliono informazioni in modo generico o concentrandosi sulla tipologia, sulle cause, sulle definizioni. Abbiamo isolato in questo scenario le principali ricerche legate a un’errata ortografia e alle cure fai da te.

carie ricerche mensili

Le ricerche medie mensili legate alla carie.

L’ultima schermata è sempre dedicata alle keyword più cercate online, dedicate all’argomento che ruota intorno alle carie. Gran parte del grafico è occupato al termine ufficiale, subito dopo entra in gioco l’elemento attaccato dalla patologia: dente cariato e denti cariati. Il livello delle ricerche dedicate alla cura fai da te è troppo basso per apparire nella lista delle prime 5 query (ricerche effettuate sul motore di ricerca).

Anche in questo caso abbiamo sfruttato answerthepublic.com per capire come si snocciola la ricerca su Google attraverso le differenze lessicali. Come, dove, quando, perché: i potenziali clienti di un dentista cercano informazioni, e lo fanno attraverso degli interrogativi che possiamo riassumere attraverso la classica ruota delle definizioni. Ecco la galleria immagini con una schematizzazione.

Gli aspetti interessanti di questi dati sono diversi. Dalla ricerca emergono delle domande interessanti, ad esempio quelle relative al come evitare le carie e se un determinato numero di carie (nella fattispecie 7) sono tante. Nota interessante: “Carie siamo fatti così”, una query dedicata alla serie di cartoni animati che illustrava aspetti del corpo umano.

Tooth decay (carie in inglese)

Un altro aspetto interessante da citare in questa ricerca è l’analisi in inglese di carie. Abbiamo utilizzato il termine Tooth decay che è l’equivalente della carie anche se può essere tradotto come decadimento dei denti. Abbiamo inserito questa ricerca nello strumento answerthepublic.com che restituisce le domande che ruotano intorno alla parola chiave e abbiamo ottenuto questo risultato.

carie

In questo caso i rami della ruota riguardano le sezioni quando, cosa, chi, quale, come, perché. Rispetto alla ruota precedente c’è la voce “are” che in realtà riguarda una semplice caratteristica della lingua inglese. Le aree “cosa” e “come” sono le più affollate, anche se la distribuzione del ramo dedicato alle domande pure (perché, why) è molto interessante.

Pulizia dei denti

La pulizia dei denti è un argomento decisivo nelle ricerche degli utenti perché è una delle principali attività svolte dal dentista: analizziamo, quindi, cosa cercano le persone. La keyword research per “pulizia dei denti” mostra un interesse marcato nell’indagare le modalità e gli strumenti usati per l’attività professionale.

Tra le domande più importanti si trova l’aspetto della sofferenza: la rimozione del tartaro è dolorosa? Senza dimenticare altre questioni che emergono con una semplice interrogazione di Google Suggest (quanto dura, fa male, prezzi, costi, ogni quanto) che vengono espressi in formule differenti. Una domanda interessante che, invece, emerge solo da ricerche approfondite: la terapia con gli ultrasuoni è una scelta valida?

Pulizia dei denti: le ricerche su Google

Queste domande sono interessanti per chi fa informazione online, per chi vuole dare le giuste nozioni ai propri clienti. Un dettaglio interessante che si allinea con il concetto già affrontato nella carie: segnaliamo le molte ricerche rispetto al come praticare la pulizia dei denti a casa propria, alcune delle quali spostate sulla pulizia dei denti fai da te.

Da segnalare infine la correlazione esistente nelle ricerche tra pulizia dei denti e curettage gengivale, oltre che l’utilizzo sporadico di termini tecnici come “detartrasi” e “ablazione” che rimandano a ricerche già più consapevoli da parte degli utenti. A questo punto possiamo creare la mappa mentale con le ricerche individuate.

pulizia dei denti

Questa mappa è interessante perché mette in luce le differenti ricerche che fanno le persone intorno all’argomento pulizia dei denti. I rami classici sono quelli legati alla definizione con tutte le possibili combinazioni (la pulizia dei denti, pulizia dei denti, pulizia denti) e all’informazione. Qui le persone cercano risposta alle domande classiche, con particolare attenzione a costo, dolore e terapie.

Da notare che tra le ricerche correlate di pulizia dei denti ci sono scaling dentale e curettage che sono le terapie adatte per il trattamento della parodontite. Oltre a essere delle forme di pulizia dentale molto approfondite. Non manca la sezione fai da te con ricerche di individui che pretendono di risolvere la pulizia dei denti in casa, ed è interessante quella dedicata al tartaro: tra le ricerche che ruotano intorno a pulizia dentale ci sono molte persone che si informano rispetto al cosa rimuove questa terapia.

pulizia-denti

Le ricerche medie mensili legate alla pulizia dei denti.

Ultimo step della sezione pulizia dei denti: quali sono le keyword più cercate? Sembra strano ma c’è una forte presenza di ricerche dedicate al tartaro denti, legate a persone che cercano informazioni sull’elemento che dovrà essere eliminato dalla pulizia. Stesso discorso vale per la terza ricerca, ma qui si utilizza il termine ablazione, sinonimo di rimozione (prende spunto dallo strumento ablatore). Diamo uno sguardo, adesso, alle domande emerse su answerthepublic.com.

Le ruote fanno emergere un universo vasto, segno che c’è molta attività sul web rispetto a questa tecnica. Ci sono molte domande che toccano punti differenti. Quali sono i più comuni? Cosa e come catturano gran parte delle questioni riassunte nella prima slide, e qui evidenziamo alcuni passaggi singolari. “Come fare la pulizia dei denti fai da te” e “Come fare la pulizia dei denti a casa” catturano subito l’attenzione: anche in questo caso le persone non solo cercano informazioni precise sulla tecnica in questione, ma vogliono sapere se e come operare in proprio. ignorando tutti i rischi del caso.

Nel secondo grafico emerge non maggiore forza l’elemento rivolto al risparmio. Forse perché la pulizia dei denti viene percepita come un’attività non particolarmente tecnica come quella legata agli impianti o alla cura delle carie, ma le domande sono sempre più rivolte all’attività casalinga: “Pulizia dei denti con bicarbonato”, “Pulizia dei denti con bicarbonato e limone”, “Pulizia dei denti senza andare dal dentista”. In questi casi dovrebbe essere centrale la buona informazione per mettere in risalto la centralità di una buona pulizia dei denti.

Dental hygiene (pulizia dei denti in inglese)

In questa ruota, dedicata appunto alle domande che ruotano intorno al concetto di pulizia dei denti in inglese, possiamo trovare una serie di interessi riscontrate nelle ricerche effettuate su Google.com. Come sempre queste domande sono disponibili anche italiano, lo strumento che utilizziamo ha diverse opzioni rispetto alla lingua. In ogni caso le questioni lasciate in lingua inglese rappresentano delle indicazioni utili per raccogliere informazioni anche per i dentisti locali.

igiene dentale

Le aree di interesse sono quasi speculari con le altre ruote: quando, perché, cosa, chi, quale, dove, come. In questo caso, però, c’è un’ampia sezione di domande che contengono il verbo ausiliare “are” che viene utilizzato per comporre l’interrogativo. Da notare che ci sono molte domande che si allontanano dall’interesse del paziente e riguardano la professione di igienista dentale.

Impianti dentali

Ecco il quarti ambito di ricerca, uno dei più interessanti dell’ambito odontoiatrico: l’implantologia. Ovvero le tecniche che permettono di inserire denti finti attraverso dei supporti meccanici, interni, invisibili. Quindi si tratta di un lavoro che abbraccia la salute ma anche l’estetica del paziente.

I termini più interessanti del settore Impianti dentali riguardano sia i modi particolari in cui le persone fanno ricerche in rete (impianti dentistici, implantazione dentale, impianto ortodontico, trapianto denti), sia le principali domande legate alla necessità di farsi impiantare un dente (quanto costa, come si fa, è doloroso, quanto dura, che rischi o problemi comporta).

Tra l’altro c’è una buona percentuale di utenti che commettono un errore di ortografia: la ricerca della branca medica spesso viene digitata con la parola impiantologia, nonostante Google Suggest sia celere nel suggerire soluzione differente.

implantologia

Cosa possiamo notare da questa mappa? Ci sono tre rami che definiscono intenzioni diverse: la prima riguarda una richiesta informazione base dell’argomento e si definisce attraverso una serie di query più o meno simili. All’interno di questo ramo ci sono diverse tipologie di impianti che riguardano aspetti trasversali alle ricerche: impianti fissi, completi e singoli. In particolar modo questo aspetto della ricerca (singoli) tornerà in diverse correlazioni, sintomo di un’esigenza degli utenti che cercano informazioni per risolvere un unico problema e non la riabilitazione totale.

Una serie di richieste derivate definiscono meglio l’ambito di ricerca. Qui si trovano tutte le query che riguardano la materia implantologia e la richiesta di informazioni, ad esempio quelle relative ai materiali e al miglior impianto dentale disponibile. Questa sezione riguarda una ricerca più consapevole e approfondita, segno che ci sono delle attenzioni rispetto all’argomento.

Il ramo più interessante per la buona comunicazione del dentista, però, è quello caratterizzato dal colore giallo. Qui, infatti, ci sono le ricerche dedicate all’intervento con le domande comuni. Tra queste la presenza o meno di dolore, i costi, la durata dell’intervento. Queste sfumature possono essere decisive per la creazione di articoli informativi da pubblicare nel blog per intercettare le domande dei potenziali lettori.

Impianti dentali

Molto interessante la mappa delle ricerche proposta da Seozoom rispetto alla query “Impianti dentali”. Viene definita una grande importanza ad alcune preposizioni come “a” e “in” che definiscono le domande degli utenti come “Impianti dentali a basso costo” e “Impianti dentali in titanio”. Nel caso specifico emergono ricerche rivolte al risparmio, in particolar modo per le località come la Croazia e la Bulgaria.

Quali sono le ricerche medie su Goolge rispetto all’argomento impianti dentali? Lo specchietto riassuntivo dà delle indicazioni chiare: la ricerca più gettonata è quella dedicata alle informazioni del singolo impianto, con una variante meno cercata che risponde a “impianto denti”. Interessante notare l’importanza che viene data all’aspetto economico, anche se il volume di ricerca è inferiore rispetto ad altre query informative.

impianti dentali

Le ricerche medie mensili legate a impianti dentali.

Cosa suggerisce, invece, Answer The Public sull’argomento impianti dentali? I primi risultati sono dedicati soprattutto a ricerche informative e raccolgono le richieste di chi cerca lumi sull’argomento. Ad esempio, cosa sono gli impianti dentali e come si puliscono gli impianti dentali. Senza considerare il secondo grafico che è molto più ricco di informazioni.

Uno dei punti importanti da considerare, anche se piuttosto banale: ci sono poche ricerche riguardo al fai da te. Un aspetto che si differenzia rispetto agli altri casi per ovvi motivi: l’impianto dentale non può essere banalizzato. Al tempo stesso, però, ci sono molte richieste per avere informazioni sugli impianti dentali a basso costo.

Dental implant (impianti dentali in inglese)

Ecco la ruota delle domande legate al termine impianti dentali in inglese. Cosa notiamo nel guardare questa sequenza di ricerche effettuate su Google.com? Ci sono dei rami più corposi, delle soluzioni che catturano maggior attenzione da parte degli utenti. Il quando e il chi sono aspetti marginali rispetto ad altre domande più importanti. Come, ad esempio, gli aspetti pratici: come lavorano gli impianti dentali, quale sistema è preferibile.

Dental implant

Detto in altre parole, le persone devono pagare molti soldi per un impianto dentale e vogliono spendere bene i propri risparmi. Molto importante il ramo dedicato alle domande con la presenza di “are” che non selezionano una tipologia specifica di questioni. Le domande in questa categoria sono varie, tutte utili per un dentista italiano che vuole affrontare questo tema in un blog.


Tendenze temporali e locali

Nei passaggi precedenti ci siamo occupati delle ricerche online, di cosa chiedono le persone ai motori di ricerca. E abbiamo visto che spesso le persone cercano informazioni errate, sia da un punto di vista dell’ortografia che da un punto di vista concettuale. Le domande spesso non corrispondono a quelle che un dentista può ricevere dal paziente dopo l’operazione, davanti al monitor la persona si sente in diritto di poter esprimere i suoi dubbi. Anche quelli più assurdi, come il poter curare una carie a casa.

Ma la ricerca continua e riguarda l’evoluzione temporale. Come si evolvono le esigenze degli individui? Il tempo definisce in modo differente il lavoro su Google? E in quali regioni d’Italia si presentano? Detto in altre parole, quali sono le tendenze temporali di queste ricerche? Scopriamolo insieme con questi dati.

Parodontite in Italia

Abbiamo definito la parodontite attraverso le ricerche effettuate sul motore di ricerca. Adesso analizziamo questa patologia da un punto di vista temporale: come si è evoluta nel tempo la ricerca? Ecco i dati di Google Trends che mettono a confronto diversi termini nel tempo.

È chiara un’evoluzione della ricerca: il termine piorrea, inizialmente superiore rispetto agli altri come volume di ricerca, perde campo e lascia spazio al termine ufficiale. Paradontite, invece, rimane stabile e negli ultimi anni registra un leggero aumento. In basso, invece, abbiamo una sintesi delle principali ricerche legate al tema della parodontite. È chiaro come sia stretto il legame con paradontite e piorrea, termini errati per definire la parodontite.

termini parodontite

Quest’ultimo grafico è utile per affrontare un aspetto differente: quali sono le regioni italiane nelle quali si cerca la parola parodontite? Quali sono i luoghi in Italia più sensibili a questo tema e che cercano su Google questo problema? Diamo uno sguardo al video che mostra come cambiano le ricerche regionali nel tempo.

L’evoluzione inizia nel 2004 e si conclude nel 2016. I dati a destra racchiudono la sintesi delle ricerche dalla data presa in esame a oggi, mentre a sinistra c’è una mappa con le regioni che in un determinato anno riportano il maggior numero di visite. Come si comporta, invece, la ricerca delle cure per la parodontologia in Italia? La soluzione è chiara e si riassume in questo grafico di Google Trend.

Abbiamo utilizzato come riferimenti due termini legati a questo universo: curettage gengivale e parodintite laser. Come si nota, le ricerche legate allo strumento laser sono più numerose del curettage, un comportamento che suggerisce una scarsa attenzione nei confronti delle tecniche che potrebbero portare dei vantaggi concreti per curare il problema. In questo caso è utile citare la SIdP (Società Italiana di Parodontologia e Implantologia) che raccomanda cautela alla popolazione nell’affidarsi a cure “miracolistiche” in particolare in riferimento all’uso del laser, che oltre ad essere spesso molto costose, al momento non sono in grado di migliorare i risultati clinici che si possono ottenere con la terapia convenzionale. Dichiara Claudio Gatti, Presidente della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP):

“Tutti gli studi fino ad oggi pubblicati concordano sul fatto che i benefici ottenuti non sono mai superiori alle procedure convenzionali e che il laser non determina nessun vantaggio aggiuntivo se usato in combinazione con la terapia convenzionale.”

Carie in Italia

Arricchiamo la ricerca dedicata alle carie con questo approfondimento: come si distribuisce la ricerca nel tempo e sul territorio? Le persone cercano sempre lo stesso termine? Per lavorare in questa direzione abbiamo usato, come sempre, i dati di Google Trends. E da questa prima schermata è chiaro un dettaglio interessante: la parola “carie” nella sua forma pura è sempre più cercata.

Guardando il grafico in ascesa si nota come sia aumentato l’interesse nel tempo. C’è da aggiungere che dal 2013 il sistema Google Trends ha subito un miglioramento, in ogni caso è interessante registrare la costanza con la quale aumentano le query su Google.

In quest’altro grafico interattivo confrontiamo l’interesse nel tempo per la query “carie” comparata con le ricerche “diga dentale” e “dental dam”. L’idea è questa: aumenta l’interesse per la patologia, verifichiamo se c’è una maggiore attenzione per gli strumenti che vengono utilizzati per trattare nel modo giusto la carie. In effetti non c’è stato un grande aumento delle ricerche nel tempo, ma è interessante notare come il termine inglese sia sempre superiore (in termini quantitativi) all’equivalente italiano.

Questa tendenza a preferire il termine inglese a quello italiano è emerso nella ricerca geolocalizzata. Queste schermate dimostrano come il termine “dental dam” sia più diffuso sul territorio e interessi tutto il territorio. “Diga dentale”, invece, rimanda solo a due regioni, Lazio e Lombardia. Nelle altre località il volume di ricerca è minimo, al punto da non essere registrato da Google Trends.

Carie in Italia
Carie in Italia

Un altro grafico interessante che abbiamo estrapolato da Google Trends è l’evoluzione delle ricerche correlata a “Carie”. Cosa cercano le persone intorno a questo tema? Quali sono gli argomenti che interessano i pazienti? E come si sono evolute queste ricerche nel tempo? La risposta si trova nel seguente box dedicato a carie secca, otturazione dentale, carie bambini, carie cura.

L’interesse nel tempo si evolve, cambia, accoglie una depressione e una successiva impennata generale ma a oggi è “otturazione dentale” a conquistare il primo posto tra le ricerche correlate a carie con il maggior numero di ricerche. Forse perché rimane un concetto sedimentato nel linguaggio comune e le persone lo trasmettono nel campo di ricerca Google.

Così come abbiamo fatto per parodontite, chiudiamo questa sezione con un’evoluzione temporale della ricerca “carie” nel tempo e sul territorio nazionale. L’evoluzione inizia nel 2004 e si conclude nel 2016. I dati a destra racchiudono la sintesi delle ricerche dalla data presa in esame a oggi.

Pulizia dei denti in Italia

Approfondiamo l’evoluzione della ricerca temporale e locale di pulizia dei denti su Google. Cosa possiamo notare inserendo le prime keyword nello strumento Google Trends? Un graduale aumento di interesse nei confronti della ricerca base che inizia nel 2009 e prosegue fino ai giorni nostri.

Confrontiamo diverse soluzioni di ricerca, in particolar modo “pulizia dei denti” e “pulizia denti”. La conferma è chiara: c’è maggior interesse per la forma semplificata, segno che (probabilmente) le persone usano il motore di ricerca nel modo più semplice e intuitivo possibile. I due segmenti crescono allo stesso modo, ma “pulizia denti” e sempre superiore alla soluzione “pulizia dei denti”.

Ablazione tartaro e igiene orale, invece, rimangono ricerche marginali nel tempo. Nel video, invece, vediamo come sempre le variazioni nel tempo della ricerca pulizia dei denti. Come puoi notare c’è un grande interesse soprattutto al nord Italia: regioni come il Veneto e il Piemonte hanno registrato picchi di crescita interessanti.

Sulla lunga distanza, in termini complessivi dal 2005 a oggi, i principali volumi di ricerca si registrano al sud. Il dato appare chiaro soprattutto grazie allo specchietto che si trova a destra del video: in Campania ci sono il maggior numero di ricerche. Lavorando sempre con Google Trends abbiamo notato un dato interessante: tra le ricerche correlate in crescita, in forte impennata sull’argomento pulizia denti, c’è il topic dedicato alla cura degli animali. In particolar modo per quanto concerne la pulizia denti cane.

correlate pulizia

Questo aspetto è stato rilevato dallo strumento Seozoom. Lanciando le ricerche correlate per la query “pulizia denti” è emerso un forte interesse per gli amici a quattro zampe che occupa la parte centrale della mappa.

Implantologia in Italia

Le ricerche temporali degli argomenti legati all’implantologia sono interessanti, soprattutto se iniziamo con una ricerca Google Trends per mettere a confronto due aspetti fondamentali: il termine assoluto (implantologia) e quello specifico, ovvero implantologia dentale. Come puoi ben vedere da questo grafico il comportamento degli utenti nel tempo è a favore della prima opzione.

Implantologia dentale in Italia è una query meno frequente rispetto al termine assoluto. Il comportamento delle linee suggeriscono un parziale avvicinamento: tende ad avvicinarsi, a muoversi verso la parte superiore del grafico. Può essere un effetto di un’informazione più attenta e di una necessità specifica degli utenti di restringere il campo verso ricerche mirate. D’altro canto è ancora più interessante il secondo grafico che introduce un altro elemento di ricerca: l’errore ortografico impiantologia.

La ricerca impiantologia in qualche tratto si sovrappone a implatologia dentaria. Anche se il termine assoluto resta in alto e domina le altre query, la ricerca errata guadagna un buon traffico. Qual è, invece, il comportamento nel tempo delle ricerche relative ai prezzi degli impianti e delle relative tecniche? L’aspetto economico è uno dei più sentiti dal pubblico, ed è per questo che dobbiamo indagare come si muovono le ricerche nel tempo.

La risposta è chiara: oggi non ci sono grandi differenze rispetto alle diverse formule. Tra le query più digitate abbiamo “implantologia costi”, implantologia dentale prezzi, implantologia dentale costi e il risultato è più o meno simile. Un picco verso l’alto è determinato da una ricerca con un intento diverso: prezzi impianti dentali, una query che lascia intendere una necessità del singolo di informarsi sul costo della materia prima per il lavoro di implantologia.

Nell’ultimo grafico, invece, c’è un confronto relativo al mondo dei dentisti in Croazia, una possibilità che i clienti prendono in considerazione per risparmiare sulle cure dentarie. In realtà queste sono solo le query che riguardano l’aspetto relativo ai prezzi: molte ricerche, infatti, riguardano la ricerca di informazioni in senso critico, in parte definite da servizi d’inchiesta. In ogni caso i dati sono chiari: l’interesse verso queste possibili soluzioni aumenta, soprattutto negli ultimi tempi.

Il picco di visite è relativo al 2012, forse corrisponde all’interesse suscitato da un’inchiesta di Striscia La Notizia che metteva a confronto i prezzi dei dentisti croati con quelli italiani. Il lavoro ha suscitato molto clamore e ha richiesto un intervento ufficiale dell’A.I.O. e del Cenacolo Odontoiatrico.

Twitter e il mondo dei dentisti

Uno degli aspetti più interessanti per definire l’universo odontoiatrico sul web in Italia. Twitter è un social network basato sulle discussioni, su messaggi rapidi e immediati. Si possono allegare video e immagini, si può lavorare solo sul testo e abbinare ogni messaggio a una serie di hashtag. Ovvero delle parole chiave che caratterizzano il tweet, l’aggiornamento di status. Per avere maggiori informazioni sul possibile uso di Twitter nel mondo dei dentisti online si può scaricare la guida dedicata al web marketing per dentisti.

Ma di cosa parlano le persone su Twitter? Di tutti gli argomenti, anche dei dentisti. Quali sono gli interessi principali? Perché le persone parlano dei dentisti su Twitter? Nel corso delle nostre ricerche abbiamo individuato tre filoni di interesse principali: ironia, ansia, informazione. Ecco una selezione di tweet che possono dare un’idea del rapporto tra l’odontoiatria e questo social network.

Ironia/Ansia

Questa prima selezione di tweet riguarda l’universo dell’ironia che si mescola con l’ansia. Nel caso di Twitter, infatti, gli ambiti si mescolano e sembra che le persone siano disposte a scherzare sull’esperienza, incrociando spesso e volentieri una malcelata paura. Ecco qualche tweet interessante.

tweet ironici

Su Twitter ci sono decine di discussioni ironiche sul rapporto tra dentista e paziente, molte però si concentrano sul post operazione. Sull’ironia legata al gonfiore, alle tremende sorprese che le persone hanno dopo un periodo di incuria e alla fattura lasciata dal dottore. In realtà nessuno parla di esperienza dolorosa ma di ansia, paura, angoscia.

Notizie legate ai dentisti

Per quanto riguarda l’universo delle notizie su Twitter, i dentisti vengono citati per motivi diversi. Nella maggior parte dei casi c’è attenzione intorno all’argomento degli abusivi. Ovvero i dentisti che non hanno i titoli per operare: questo argomento cattura l’attenzione del pubblico, per ovvi motivi legati all’ansia e alla paura di incrociare una situazione simile nella propria esperienza quotidiana.

tweet informazione

tweet

Altre notizie legate al mondo dei dentisti su Twitter? Spesso ci sono riferimenti alle nuove tecnologie, alle scoperte nel settore, ma questo è un ambito che riguarda soprattutto gli account Twitter dei professionisti e degli esperti. Probabile, invece, incrociare tweet legati a notizie di costume e curiose. Qualche esempio? Il dentista che estrae il dente alla tigre addormentata o i trend estetici dei personaggi famosi che spingono gli utenti a scegliere un dentista solo per emulazione.

Un esperimento interessante sui social

Una delle realtà più interessanti del web è la capacità del pubblico di lasciarsi influenzare dai titoli, spesso roboanti e amplificati. Già nel 1997 Jackob Nielsen suggeriva un punto importante per gli editori del web: le persone non leggono online, le persone scannerizzano. E questo avviene anche sui social: ricerche successive hanno evidenziato un problema ancora più interessante. ovvero, 6 link su 10 vengono condivisi e non letti. Il numero è definito dal Washington post che sottolinea un altro dato essenziale:

According to a new study by computer scientists at Columbia University and the French National Institute, 59 percent of links shared on social media have never actually been clicked: In other words, most people appear to retweet news without ever reading it.

Ecco perché sul blog dello Studio Dentistico Cozzolino abbiamo pubblicato un post-esperimento dal titolo I 10 peggiori dentisti italiani. Nell’articolo non ci sono nomi, ma buone norme da rispettare per scegliere un buon dentista. Insomma, il titolo è provocatorio per verificare dei comportamenti interessanti.

visite SDC

In primo luogo il sito ha avuto un picco incredibile di visite, probabilmente ha raggiunto il massimo storico. Questo significa che l’interesse per l’argomento è altro, che il titolo ha toccato un punto essenziale. Essenziale solo tra gli addetti ai lavori: il post non ha avuto attenzioni social particolari, ma si è diffuso tra i gruppi Facebook di settore. Come previsto, il boom di visite non ha avuto nessuna ripercussione sui pazienti attivi o potenziali (target per nulla intercettato – un like sulla pagina Facebook dedicata ad essi), ma ha provocato una serie di reazioni a catena tra i colleghi.

dentisti

Spesso ricevendo dei commenti tipici di chi non ha letto l’articolo: il post è stato condiviso e commentato, ma spesso non è stato aperto. D’altro canto la lettura si è trasformata in uscita: i dati di Google Analytics mostrano un basso tempo di permanenza sul sito e un rapido abbandono. Quindi, cosa possiamo consigliare grazie ai dati rilevati con questo esperimento?

La comunicazione online del dentista deve essere chiara, immediata, senza fronzoli. I titoli efficaci di un articolo possono richiamare visite, possono fare la differenza, ma deve sempre seguire un contenuto valido: bisogna sempre rispettare la promessa che viene lasciata nel titolo. Altrimenti le persone arrivano e scappano.

Conclusioni della ricerca

Difficile tracciare uno scenario conclusivo per un testo simile. In questo documento riassumiamo una serie di dati parziali, che devono essere visti sempre come un lavoro in fieri. ovvero in evoluzione. Probabilmente i dati sono già cambiati perché le evoluzioni delle ricerche online mutano di giorno in giorno.

Questo lavoro ha una finalità diversa: richiamare l’attenzione delle persone interessate all’argomento. Da un lato i professionisti del settore odontoiatrico, dall’altro gli utenti. le persone che hanno bisogno di informazioni per scegliere un dentista e trovare informazioni utili.

Il dentista deve sapere che dall’altro lato dello schermo ci sono persone che fanno ricerche, e per ottenere dei vantaggi strategici dallo strumento internet devono allinearsi con queste esigenze. Devono capire cosa vogliono le persone, quali domande fanno, quali sono timori, paure, curiosità. E devono dare delle risposte con chiarezza e precisione. Così è possibile guadagnare attenzione, credibilità e nuovi contatti da trasformare in clienti.

Dentisti online: cosa cercano le persone sul web ultima modifica: 2016-11-15T07:37:19+00:00 da Ciro