Blog / Parodontologia / Parodontite: come curarla senza intervento chirurgico
17 febbraio 2017

La parodontite, anche nota come piorrea, è una malattia infiammatoria degenerativa che determina la distruzione dei tessuti di supporto del dente, ossia osso, gengiva, cemento e legamento parodontale.

 Scopri di più sulla parodontite

A questa patologia è associata la paura di perdere i denti con conseguenti disagi nella vita relazionale, nell’estetica del sorriso e disturbi delle funzioni masticatorie e fonatorie. Ecco perché molti pazienti chiedono informazioni sull’argomento: ho la parodontite, come curarla definitivamente? Quali sono le cause di questo disturbo?

parodontite

Spesso i dubbi riguardano anche il tipo di trattamento, molte persone hanno paura di un eventuale intervento chirurgico e vogliono essere rassicurate: da un lato c’è la paura di perdere i denti, eventualità di una parodontite grave, dall’altro si manifesta il timore di un lavoro invasivo da parte del dentista. Ecco perché è giusto approfondire il tema: è possibile curare la parodontite (piorrea) senza intervento chirurgico?

Cos’è la parodontite

Come anticipato, la parodontite è un’infiammazione del tessuto, l’osso alveolare, che ricopre la radice del dente. Ma anche della gengiva stessa e del legamento parodontale. Ovvero il tessuto che ricopre l’osso alveolare e la radice dentale. Questo comporta una progressiva perdita dei tessuti di sostegno e una conseguente perdita dei denti.

La parodontite è l’infiammazione derivata da un avanzamento batterico sui tessuti del dente, che porta a una riduzione degli elementi che sorreggono il dente stesso. Prima di illustrare le soluzioni per curare questo problema è giusto sottolineare cause, sintomi ed elementi per prevenire i disturbi.

Cause e sintomi della parodontite

In estrema sintesi, le cause della piorrea sono da rintracciarsi soprattutto (ma non solo) nell’igiene orale. I disturbi parodontali sono legati all’azione di batteri, detti parodontopatogeni. In condizioni di scarsa igiene orale (se ci si spazzola ad esempio i denti male o solo due volte al giorno o se ad esempio ci si sottopone a pulizie dei denti non fastidiose e quindi non profonde) questi batteri tendono ad accumularsi in maniera eccessiva vicino alla gengiva formando della placca e provocando infiammazioni e carie.

La placca se non viene rimossa già entro 8 ore comincia a mineralizzarsi e si trasforma in tartaro, che può essere risolto solo dal dentista o dall’igienista dentale. Per questo bisogna spazzolarsi i denti almeno 3 volte al giorno per evitare che la placca si mineralizzi e non sia più rimovibile dallo spazzolino.

In individui particolarmente suscettibili può capitare che i batteri possano diffondersi e avanzare al di sotto dei tessuti gengivali provocando danni anche all’osso e alle porzioni più profonde del parodonto.

I batteri, infatti, si moltiplicano nelle tasche parodontali producendo tossine che distruggono le cellule responsabili della riproduzione ossea determinando un riassorbimento osseo e di conseguenza l’instabilità e la caduta dei denti.

sondaggio parodontale

Sondaggio parodontale

I sintomi e i segni di questa condizione sono evidenti: gengive rosse e infiammate, recessione gengivale (la gengiva si ritira) aumentando lo spazio tra i denti, sanguinamento al passaggio di spazzolino e filo interdentale, gengive doloranti con ascessi parodontali. Tutto questo porta ai sintomi più evidenti e drammatici: denti che si muovono e che cadono. In ogni caso ad una perdita ossea non segue un uguale perdita gengivale.

Questo perché la gengiva in caso di infiammazione è gonfia e tumefatta e maschera quindi la reale perdita che si è avuta dei tessuti intorno al dente. Ecco perché quando poi si eseguono le terapie corrette quest’ultima si ritira mostrando la reale perdita ossea che si è avuta. Ma questo ritiro è sintomo di guarigione perché la gengiva si sgonfia e ritorna sana e si interrompe la distruzione dei tessuti duri intorno al dente.

Differenza tra parodontite e gengivite

La gengivite può essere una fase che precede la parodontite. Infatti, la gengiva fa parte degli elementi che compongono il parodonto ma questo tipo di disturbo non colpisce l’osso. Di conseguenza si presentano rossore e sanguinamento, ma non problemi sotto al tessuto. La gengivite, in ogni caso, non è un fenomeno da sottovalutare e va sempre curata perché può evolversi fino a raggiungere lo status di piorrea.

Come prevenire la parodontite (piorrea)

La parodontite è causata da un’infezione batterica dei tessuti che circondano il dente. Per prevenire i problemi di piorrea quindi è indispensabile una corretta igiene orale domiciliare e professionale che deve essere eseguita da un parodontologo per rimuovere il tartaro sotto gengivale.

Se la pulizia dei denti è un fattore importante per prevenire la parodontite, è vero anche che ci sono una serie di elementi che predispongono l’individuo alla piorrea: fumo, stress, fattori ereditari e ormonali, malattie come il diabete o l’aids, farmaci che inducono alla salivazione, problemi alimentari e ricostruzioni non eseguite a regola d’arte.

La parodontite si può curare?

I diversi segnali lanciati dal corpo, nella maggior parte dei casi, riguardano già una situazione avanzata. La piorrea è una malattia subdola in quanto nelle fasi iniziali è asintomatica, l’unico segno è dato dal sanguinamento delle gengiveÈ importante sottolineare che le gengive non devono mai sanguinare. Per questo motivo le persone si recano da un parodontologo solo quando i denti cominciano a muoversi e temono che questi possano cadere.

Spesso ai pazienti a cui viene diagnosticata la parodontite in stato avanzato viene presentato come unica soluzione per risolvere il problema in modo definitivo l’intervento chirurgico con l’estrazione dei denti per poi sostituirli con impianti e una riabilitazione di tipo fisso o mobile (protesi dentaria).

Fortunatamente la chirurgia non è l’unico modo per curare la parodontite, e spesso si può intervenire risolvendo definitivamente problemi di piorrea anche in stadio avanzato. Questo ovviamente dopo una diagnosi attenta del dentista che viene effettuata con la sonda parodontale. Solo in questo caso si può individuare la soluzione per risolvere la piorrea, ed eventualmente potrà suggerire anche l’antibiotico per la parodontite da affiancare alla cura. In ogni caso è sconsigliata l’improvvisazione.

Come curare la parodontite senza intervento chirurgico

Quando parliamo della cura della parodontite senza intervento chirurgico non ci riferiamo all’uso del laser per il quale non ci sono dati in letteratura scientifica che ne giustifichino l’utilizzo in parodontologia, così come affermato dalla Società Italiana di Parodontologia.

La terapia non chirurgica prevede diverse sedute per rimuovere accuratamente la placca e il tartaro nelle tasche gengivali. In passato attraverso appositi strumenti, le curettes manuali, venivano raschiate le pareti gengivali in modo da rimuovere i tessuti molli della tasca parodontale ed eventualmente i tessuti necrotici della radice lasciando così la superficie radicolare pulita e liscia per favorire la guarigione dei tessuti parodontali.

strumenti planing e root scaling per la parodontite

Come curare la parodontite

I concetti sono rimasti gli stessi solo che grazie alle curettes soniche che dispongono di un movimento oscillatorio tridimensionale, riusciamo ad eseguire in modo molto più accurato, veloce e performante le pulizie di queste tasche riducendo il discomfort per il paziente. Oggi grazie all’uso dei manipoli sonici per la rimozione del tartaro molto più performanti si riesce ad evitare quasi sempre la chirurgia.

La gengiva e il dente dopo il trattamento

Subito dopo il trattamento le gengive appariranno gonfie e irritate, ma già pochi giorni dopo cominceranno a sgonfiarsi e a riaderire normalmente al dente. Nelle settimane successive alla pulizia si ha un ritiro più o meno lieve della gengiva perché questa  si sgonfia (guarigione), essendo prima tumefatta e sanguinante.

Si ha poi un aumento della sensibilità al freddo per qualche mese che può essere controllato mediante l’uso di dentifrici per denti sensibili. Infine si ha un aumento temporaneo della mobilità dei denti che riprendono la loro stabilità dopo circa 4 settimane.

Fa male curare la parodontite senza intervento chirurgico?

Questo approccio terapeutico non è assolutamente doloroso perché viene condotto sotto anestesia locale. Come la gran parte delle malattie anche la piorrea, se curata nelle fasi iniziali, si risolve nel modo più semplice e veloce. Con il progredire della malattia il recupero può diventare più complesso e richiedere differenti tipi di terapie, come la chirurgia rigenerativa dell’osso.

Esiste la cura definitiva alla parodontite?

Difficile dare un giudizio netto sulle cure di una malattia così articolata. Ciò nonostante, con un giusto trattamento e un adeguato mantenimento è possibile tenere sotto controllo la parodontite impedendone la progressione.

Il nostro consiglio pertanto è sempre quello di fare tutto il possibile per prevenire malattie come gengiviti, carie e parodontiti attraverso un’accurata pulizia dei denti professionale e visite periodiche di controllo.

Contattaci per qualsiasi dubbio.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Provincia di provenienza

Oggetto

Il tuo messaggio


Parodontite: come curarla senza intervento chirurgico ultima modifica: 2017-02-17T09:58:06+00:00 da

Autore:

Odontoiatra implantologo e parodontologo iscritto all’ordine il 23/06/1997, con N° TO 1968, membro di SIdP (Società Italiana di Parodontologia), ITI (International Team for Implantology) e SIO (Società Italiana di Implantologia Osteointegrata).

2018 © Copyright - Studio Cozzolino

   081.245 18 05

Shares
Studio Dentistico Cozzolino